Civitavecchia: Acropoli di Arpino - IAM - L'anomala guida illustrata della ciociaria
ciociaria, arpino, cicerone, arco a sesto acuto, civitavecchia, cultura ciociara, tradizioni ciociare, frosinone, provincia,
15697
post-template-default,single,single-post,postid-15697,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,columns-3,qode-theme-ver-10.1.2,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

Civitavecchia: Acropoli di Arpino

12742467_1551302928514600_5244112394679512591_n

L’acropoli di Arpino, oggi chiamata Civitavecchia, è un tipico esempio di fortificazione volsca, costituita da enormi blocchi di pietra incastrati tra loro senza calce o malta, e comunemente dette Mura Poligonali.
Nell’acropoli di Arpino è presente un arco a sesto acuto, alto 4,20 metri, attribuito ad un’epoca tra l’VIII e il VII secolo a.C. e oggi l’unico esemplare sopravvissuto nell’area mediterranea,dal quale si intravede quella che inizialmente fu considerata la casa paterna di Cicerone.

Nonostante alcuni recenti studi mettano in dubbio l’effettiva veridicità della cosa, ‪#‎Arpino‬ è considerata infatti, la patria di Marco Tullio ‪#‎Cicerone‬ nato proprio nella città volsca nel 106 a.C.
In Piazza Municipio è possibile ammirare una statua eretta in suo onore e la città, dal 1980 lo ricorda con il Certamen ciceronianum Arpinas, gara tra le più importanti in ‪#‎Italia‬, sulle traduzioni dei brani del filosofo.

Perchè Cicerone è associato al termine “guida”?
La parlantina di Cicerone era tale da venir accomunata a quelle delle guide turistiche, che facevano della parola, la loro arma di seduzione, durante le passeggiate con i turisti.