Pavimento Cosmatesco in Ciociaria - IAM - L'anomala guida illustrata della ciociaria
pavimento cosmatesco, anagni, cripta, ciociaria, cosmati, iam ciociaria, iam edizioni
15684
post-template-default,single,single-post,postid-15684,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,columns-3,qode-theme-ver-10.1.2,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

Pavimento Cosmatesco in Ciociaria

12711112_1549547068690186_5573624738371636868_o

Presente in molte città della Ciociaria‬, ma in maniera più massiccia a Ferentino‬,‪ Anagni‬ e nell’abbazia benedettina di Montecassino, il pavimento Cosmatesco viene così chiamato perchè usato dalla famiglia dei Cosmati.
Si tratta di una vero e proprio stile, messo in opera da alcuni straordinari marmorari romani (stando alle iscrizioni, i veri Cosmati che operavano nel Lazio, non erano più di 7), che attraverso triangoli, stelle ottagonali, simbolismi, esagoni, simmetrie e altre figure geometriche hanno dato vita a una simbologia ancora oggi in fase di studio.

Una delle tecniche più utilizzate dai Cosmati è quella che che noi oggi definiamo “autosomiglianza” nella geometria dei
frattali.In pratica “un triangolo equilatero, inscritto in un quadrato, può essere scomposto all’infinito con altrettanti triangoli di scala sempre più piccola, riproducendo per “autosomiglianza” la figura del pattern iniziale.
L’assurdità sta nel fatto che questa proprietà è stata scoperta dal matematico Sierpinski nei primi anni del ‘900, ma i Cosmati usavano la geometria frattale già nel 1200.